Ma’an Li’l Ghad: un aggiornamento da Alisei (01/09/2011)

Comitato Italo – Libico Ma’an li’l Ghad insieme per il domani – onlus

Azioni promosse e gestite da Alisei e suoi partner a favore della popolazione libica vittima della guerra sia a livello internazionale che in Libia / periodo luglio – settembre 2011

A seguito dei tragici eventi, delle violenze e del conflitto armato, Alisei ha promosso una immediata azione di sensibilizzazione e informazione in Italia sulle drammatiche condizioni di vita delle fasce più svantaggiate, vulnerabili e a rischio della popolazione libica e sulla necessità di contribuire a rispondere ai loro urgenti bisogni fortemente aggravati dalla guerra. Il giorno 4 marzo 2011 presso L’Università Statale di Milano, Facoltà di Scienze Politiche, Alisei partecipava alla costituzione del Comitato Italo-Libico “INSIEME PER Il DOMANI – MA’AN LI-L GHAD” ONLUS per raccogliere fondi e contributi necessari a sostenere e promuovere azioni urgenti di aiuto umanitario e cooperazione. Continua a leggere

«Maledetta primavera» di Fulvio Grimaldi (data?)

Guardate il video  “MALEDETTA PRIMAVERA” di Fulvio Grimaldi!

Questa ottima sintesi è stata segnalata alla lista “Università in lotta” cui sono iscritta, da uno studente comunista. Nel piattume generale mi riempie di orgoglio che dall’istituzione cui appartengo siano gli studenti a proporre qualche buco della serratura da cui guardare in diversa prospettiva alle “verità” spacciate in questo Paese (e dall’informazione in generale). Mi sento di raccomandarne vivamente la visione e l’ascolto. Certo, è indubbio vi siano imprecisioni (quella senussita è una confraternita, ad esempio e non una tribù) e non so quanto sia voluta la trascuratezza circa le manovre “panafricaniste” di Gheddafi che sicuramente hanno offerto alternative ed escluso il dollaro, ma hanno addirittura innescato la nascita di organizzazioni regionali parallele (ce ne fosse bisogno… guardate l’efficace immagine che ho tratto da Wikipedia, per farvene un’idea) se non addirittura contrarie all’Unione Africana di cui, pure, il Colonnello è stato uno dei principali fautori.

Continua a leggere