MITI CHE ODIANO LE DONNE, Casa della Cultura, 25 ottobre 2014

Parteciperò ad un Convegno il 24 e il 25 Ottobre a Milano, presso la Casa della Cultura: MITI CHE ODIANO LE DONNE : clicca qui per il programma e leggi qui di seguito chi vi parteciperà e di che parlerà

4 MITI ASIATEATRO A4 BOZZA FRONTE

Marilia Albanese, Segretario Generale AsiaTeatro

Introduzione al Convegno

Il potere del mito nella storia dell’umanità è stato enorme, non soltanto nel campo religioso, ma anche in quello sociale e politico. Dalla mitologia greca ai testi biblici, dall’epica indiana alle memorie degli antichi eventi giapponesi, racconti fondamentali elaborati e trasmessi dall’ambito maschile, geloso detentore della conoscenza scritta e della tradizione, attribuiscono alla donna colpe e mancanze di ogni genere, legittimando così la sua svalutazione, subordinazione ed eliminazione mentre d’altra parte ne costruiscono un’opposta immagine/modello ideale, tanto irrealistico, quanto irraggiungibile. Oltre all’imposizione culturale del mondo patriarcale, però, è evidente una connivenza con questo da parte del mondo femminile, che ha avvallato, custodito e tramandato la visione maschile. Il perché “miti che odiano le donne” siano stati difesi proprio da loro stesse nel corso dei secoli è importante spunto di riflessione, in quanto alcuni di questi “miti” – basti pensare a quello della bellezza – sono ancora oggi imperanti. Continua a leggere

Annunci

Oh Capitano, nostro Capitano!

Il testimone morale e al contempo il testimone politico per eccellenza della nostra stagione peggiore è scomparso. Credo Mandela rientri nel quadro che Avishai Margalit delinea per questo agente. «Il testimone morale deve vivere per servire il proprio scopo» (A. Margalit, L’Etica della Memoria, 2006/128), e lo scopo è la comunicazione, il racconto. Ciò che fa di Mandela un’eccezione è la coincidenza col testimone politico e, quindi, con l’attore politico, in questa straordinaria storia che supera i rigori della sopravvivenza per una testimonianza per incidere nell’orrifica ingegneria sociale dell’apartheid con un’azione… e un’azione vincente attraverso la testimonianza al contempo morale ed etica.

Ho scritto per l’associazione in cui “milito” come membro del Comitato Scientifico -il Centro Studi Problemi internazionali – CesPI, queste cartelle su Nelson Mandela e il Sudafrica dopo di lui… e noi, senza lui.

Trovo possa essere suggestivo, quale incipit, il profondo Alan Bates che qui recita la poesia d’un uomo che s’è eletto capitano della propria anima, pur nella prigione di un corpo che si sfaceva: un uomo fiero al punto che Melville s’ispirò a lui per la figura di Akab: William Ernest Henley. La poesia  «Invictus» (invitto) della raccolta “Vita e Morte (Echi)”,  pubblicata per la prima volta nel 1888 nel Book of Verses è stata quella con cui Mandela s’è dato coraggio negli anni della prigionia e che ha ispirato il noto film di Eastwood.

“Oh Capitano, nostro Capitano!”.

In ricordo di Nelson Rolihlahla MANDELA, detto “Madiba”

(18 luglio 1918, Mvezo – Johannesburg, 5 dicembre 2013)

di Cristiana Fiamingo[1]

Il tardo pomeriggio del 5 dicembre 2013, all’età di 95 anni, Nelson Rolihlahla Mandela, detto ‘Madiba’, si è spento nella sua casa di Houghton, a Johannesburg.

Icona globale. Attore politico per eccellenza. Eroe che nessun’ombra sembra poter intaccare nell’immaginario collettivo. Pure nella dignitosa, muta posa e nello sguardo quasi assente delle ultime immagini che circolano nella ‘rete’, sembra vigilare, antenato vivente – come si direbbe presso alcuni popoli d’Africa –, su questo nostro mondo, dal gigantismo morale che sopravvivrà ai suoi errori.

NELSON MANDELA: L’ATTORE POLITICO

Rolihlahla Mandela nasceva il 18 luglio 1918 a Mvezo,[2] sulle rive del fiume Mbashe nel distretto di Umtata nel Transkei, provincia ad est della regione del Capo, nella terra in cui sanguinose guerre di frontiera ingaggiate coi coloni olandesi, a partire dal 1770, avevano bloccato il flusso migratorio verso la costa, a sud, di xhosa e thembu – la sua etnia –, prima stanziati ai piedi dei monti Drakensberg.

Continua a leggere